mercoledì 23 agosto 2017

TRENTO: agricoltori vogliono passare al Biologico, ma qualcuno avvelena i frutteti

Immagine correlata


Bolzano (TN) : Agricoltori locali volevano convertire le loro coltivazioni in "biologico", producendo così merce più sana, ma a qualcuno questa "conversione" non è andata giù a qualcuno che ha pensato bene di spargere il potente erbicida Glisfosato (sospettato di essere cancerogeno) in diversi meleti della zona.

Chi e perché è contrario alla conversione di un agricoltura più sana? E perché spargere proprio quel potente erbicida? 

Forse perché così facendo i nostri agricoltori "convertiti" a metodi più sani e naturali, dovranno attendere altri 2-3 anni perché nel terreno avvelenato non ci sia più traccia di Glifosato? 

2-3 anni a cui ne andranno aggiunti altri 2 per "conversione al biologico"....in cui i contadini non potranno vendere i loro prodotti, mentre però pagheranno la certificazione biologica.




martedì 22 agosto 2017

Diego Fusaro: Il Terrorismo? È la fase suprema del capitalismo...

Risultati immagini per diego fusaro



5 TESI SUL TERRORISMO:




Articolo di Diego Fusaro:

1) Gli attentati si abbattono sempre e solo sulle masse subalterne, precarizzate, sottopagate e supersfruttate

L’ira delirante dei terroristi non si abbatte mai, curiosamente, sui luoghi reali del potere occidentale: banche, centri della finanza, ecc. 

I signori mondialisti non vengono mai nemmeno sfiorati. 
I terroristi avrebbero dichiarato guerra e poi attaccherebbero solo le masse schiavizzate, rendendo – guarda caso – un buon servizio ai signori mondialisti della finanza sradicata: i quali vedono il loro nemico di classe (le masse sottoproletarie, precarizzate e pauperizzate) letteralmente bombardato e fatto esplodere da agenzie terze;


Risultati immagini per guerra tra poveri
2) Il terrorismo produce un grandioso spostamento dello sguardo dalla contraddizione principale, il nesso di forza classista finanziarizzato. A reti unificate ci fanno credere che il nostro nemico sia l’Islam e non il terrorismo quotidiano del capitalismo finanziario (guerre imperialistiche, ecatombi di lavoratori, suicidi di piccoli imprenditori, popoli mandati in rovina);


3) Ci fanno ora credere che il nemico, per il giovane disoccupato cristiano, sia il giovane disoccupato islamico e non il delocalizzatore, il magnate della finanza, l’apolide e sradicato signore del mondialismo che sta egualizzando il pianeta nella disuguaglianza del libero mercato. 


Risultati immagini per guerra tra poveriPer questa via, il conflitto servo-signore è, ancora una volta, frammentato alla base. Si a l’ennesima guerra tra poveri, della quale a beneficiare sono coloro che poveri non sono. Il terrorismo frammenta il conflitto di classe e mette i servi in lotta tra loro (islamici vs cristiani, orientali vs occidentali);


4) Il terrorismo permette l’attivazione di quel paradigma securitario che, ancora una volta, giova unicamente al signore globalista e finanziario. 

Si attiva il modello Patriot Act Usa

per garantire sicurezza, si toglie libertà. 

Meno libertà di protesta, meno libertà di organizzazione, più controlli, più ispezioni, più limitazioni. La massa terrorizzata accetta ciò che in condizioni normali mai accetterebbe: la perdita della libertà in nome della sicurezza;


Risultati immagini per zio sam
5) Si prepara il terreno – prepariamoci – per nuove guerre: guerre terroristiche e criminali contro i crimini del terrorismo. 

Come accadde in Afghanistan (2001) e recentemente in Siria. 


Il terrorismo legittima l’imperialismo occidentale, l’interventismo umanitario, il bombardamento etico, le guerre giuste, e mille altre pratiche orwelliane che, chiamate col loro nome, rientrerebbero esse stesse nella categoria del terrorismo. L’imperialismo occidentale coessenziale al regime capitalistico viene legittimato e fatto accettare alle masse terrorizzate e subalterne.


A differenza di Pasolini, io non so i nomi. 
Credo, tuttavia, di sapere che cos’è davvero il terrorismo. 

È la fase suprema del capitalismo. 
È il momento culminante di un capitalismo che, avendo la propria egemonia in crisi (per dirla con Gramsci), deve adoperarsi in ogni modo (letteralmente: in ogni modo) per favorire il consenso, per riallineare le masse, per disarticolare il dissenso, per sincronizzare le coscienze, per fare sì che l’odio e l’amore delle masse siano indirizzati, secondo le debite dosi, dove i signori del mondialismo hanno deciso debbano essere indirizzati.



lunedì 21 agosto 2017

Offrirono 35 miliardi al ministro della Sanità Tina Anselmi, lei rifiutò. Poi l'attentato...

Risultati immagini per Tina Anselmi


Nel 1979, quando Tina Anselmi era Ministro della Sanità, decide il ritiro dal mercato di migliaia di farmaci che una commissione tecnica ha appena giudicato inutili o addirittura pericolosi.

Da lì a poco, viene avvicinata da un esponente delle industrie farmaceutiche che le offre 35 miliardi di lire in valuta straniera presso una banca svizzera di sua scelta, affinché ritiri quel provvedimento.

Il mattino dopo, la Anselmi rende pubblico questo tentativo di corruzione. Trascorsi pochi giorni, la sua auto salta in aria. Per pura coincidenza e per pochi attimi di ritardo, la senatrice democristiana si salva.

Comunque, dopo alcune settimane, viene rimossa dall’incarico.
Questo episodio è citato dal rimpianto Hans Ruesch nel suo Naked Emperess della Garzanti-Milano.


Risultati immagini per Tina AnselmiLa clamorosa corruzione del ministro della sanità De Lorenzo da parte della Smith-Kline.

Passa una decina di anni e siamo nel 1990-91.


La Smith-Kline, del gruppo Beecham, unica produttrice mondiale del vaccino Energix B che pretende di prevenire l’epatite B, al fine di realizzare un piano di vaccinazioni garantito sulla pelle dei bambini italiani, versa in segreto, in banconote da 100 mila lire, la somma di 600 milioni di lire all’allora ministro della Sanità De Lorenzo.

Seicento milioni solo per apporre una firma di approvazione ministeriale per rendere non più facoltativa ma obbligatoria la vaccinazione antiepatite B

De Lorenzo viene preso con le mani nel sacco e finisce nelle carceri della Repubblica per diversi anni.

Fonte: https://debernardi.wordpress.com/2017/07/01/mafia-sanitaria/


L'immagine può contenere: 1 persona, sMS